Descrizione sistema

  1. Slitta mobile della pressa.
  2. Stelo cilindro.
  3. Cilindri a ritorno controllato.
  4. Valvole di ritegno. Intercettano e consentono il deflusso e l’ingresso del fluido idraulico all’interno dei cilindri. La loro presenza assicura la massima riduzione dell’effetto springback.
  5. Blocchetto di distribuzione con valvola limitatrice di pressione.
  6. Valvola limitatrice di pressione regolabile. Regola la pressione di deflusso del fluido idraulico dai cilindri in fase di compressione. Questa valvola mantiene costante la pressione, quindi la forza di contrasto dei cilindri.
  7. Scambiatore aria-olio. Si avvia automaticamente e mantiene costante la temperatura del fluido.
  8. Regolatore di flusso compensato. Garantisce velocità costante nella fase di ritorno.
  9. Elettrodistributore due posizioni due vie. Con bobina non alimentata, devia il flusso idraulico attraverso lo scambiatore aria-olio, con bobina alimentata invia il flusso idraulico al circuito di ritorno dei cilindri.
  10. Sensore elettromagnetico di sicurezza per verifica corretta posizione della parte mobile, soggetta a blocco alla fine del ciclo.
  11. Tubazioni flessibili con attacchi rapidi per collegamento a blocchetto di distribuzione.
  12. Unità di comando carrellata.

Il posizionamento dei cilindri all’interno dello stampo è libero e dipenderà solamente dalle esigenze del progetto; l’unità di comando dev’essere posizionata a bordo macchina, in una zona disimpegnata tale da non provocare intralcio e/o disturbo.
L’utilizzo del fluido idraulico permette una facile gestione e una ottimale dissipazione termica grazie all’impiego di un scambiatore di calore che interviene automaticamente al momento opportuno.
Si garantisce quindi la massima affi dabilità e costanza di funzionamento consentendo velocità di lavoro fi no a 25 cicli al minuto.
Per contro la comprimibilità intrinseca del fl uido idraulico a fi ne compressione genera un minimo assestamento nel trattenimento degli steli. Questo è comunque garantito per un valore max di 0,2 mm.

È obbligatorio procedere sempre con lo sfiato dell’aria presente all'interno del sistema.
Questa operazione va eseguita nella fase di installazione e caricamento del fluido idraulico, quindi è necessario che i cilindri siano accessibili.
Dopodiché è possibile scollegare gli innesti rapidi dall'unità di comando e completare le operazioni di assemblaggio dello stampo.
 

Servizio post-vendita

Per ricevere maggiori informazioni sui nostri prodotti e per ricevere supporto tecnico non esitate a contattarci

Tel. +39 0424 539181
Fax +39 0424 898230
E-mail info@specialsprings.com

TIENITI AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE SPECIAL SPRINGS

Ricevi gli aggiornamenti su prodotti, servizi e offerte speciali.

NewsletterIT